ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Roccucci,contro odio cristiani rilevanti

Roccucci,contro odio cristiani rilevanti
'Fare il possibile e l'impossibile per la fine delle guerre'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 21 FEB – “L’irrilevanza non è il destino dei
cristiani. C‘è sete di pace nel Mediterraneo ferito da troppi
conflitti. La pace ha bisogno di dialogo e di amicizia, di
costruire ponti e superare i muri della divisione e dell’odio”.
Così il professor Adriano Roccucci sul tema ‘Speranza cristiana
e Mediterraneo. Le sfide di un cambiamento d’epoca’, che ha
aperto la terza giornata del forum ecclesiale in corso a Bari
‘Mediterraneo, frontiera di pace’, che si concluderà domenica
con Papa Francesco. Per Roccucci, “Siria, Iraq e Libia rappresentano ferite
aperte e dolorosissime”, con la “violenza terribile e cieca del
terrorismo” in queste guerre; ha ricordato anche i cristiani
rapiti, “i due metropoliti di Aleppo, Mar Gregorios Ibrahim e
Paul Yazigi, e padre Paolo Dall’Oglio”. “C‘è una responsabilità
particolare dei cristiani in questo tempo difficile. C‘è la
domanda di fare il possibile e l’impossibile per facilitare la
fine delle guerre”, ha detto: “La prima sfida per le Chiese nel
Mediterraneo è la pace”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.