ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Economia lunare", auto elettriche e brikcoin alla portata di (quasi) tutti

euronews_icons_loading
"Economia lunare", auto elettriche e brikcoin alla portata di (quasi) tutti
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Auto elettriche, valute criptate e viaggi sulla Luna: questo è il programma di questa puntata.

"Business Line" è il vostro barometro globale del business: e oggi vi portiamo sulla cima della struttura più alta del mondo: è il Burj Khalifa, a Dubai.
Altezza (comprese antenne e guglia): 829,80 metri!

"Business Line"
La giornalista di Euronews in cima al Burj Khalifa."Business Line"

Auto elettriche Tesla "cinesi"

E sta andando sempre pi`ù in alto anche l'azienda di produzione di auto elettriche di Elon Musk: la sua attività di vendita, con l'arrivo del 2020, sembra sia davvero decollata.

Tesla ha consegnato 112.000 veicoli nel quarto trimestre dello scorso anno, un record, e ha appena iniziato la produzione in un nuovo stabilimento vicino a Shanghai.
Ma la strada da percorrere è piena di sfide, soprattutto - dopo tre incidenti - nel campo della sicurezza del suo sistema di autopilota,

Il CEO di Tesla, Elon Musk, è lanciato verso il nuovo decennio, mentre l'azienda festeggia la consegna delle prime auto Modello 3 al pubblico nella sua fabbrica di Shanghai.

"Intendiamo continuare a fare un investimento significativo e ad aumentare gli investimenti in Cina: realizzaremo il Modello 3 e il Modello Y e i futuri modelli anche in Cina."

Euronews

Dopo un finale di 2019 spettacolare, con un totale di 367.000 vendite nell'anno appena terminato, il 50% in più rispetto al 2018, ora Tesla guarda avanti.

È stato un periodo di sperimentazione positiva per l'azienda, nonostante i tagli alla forza lavoro negli Stati Uniti e il fallito debutto del sistema-Autopilota che ha causato tre incidenti mortali .

Questo pochi mesi prima che Elon Musk pianificasse di mettere in strada le auto con guida automatica.

Ma, nonostante lo scetticismo, Tesla sta tenendo duro, continua per la sua strada, e le azioni hanno raggiunto il 91,1% negli ultimi tre mesi, portando la sua capitalizzazione di mercato a oltre 70 miliardi di euro.

Dati Tesla

Volete acquistare dei brikcoin?

La tecnologia Blockchain sta trasformando il modo di operare delle aziende e sta ripensando i modelli di finanziamento in modo trasversale.

La società di sviluppo immobiliare Brikcoin, con sede nel Regno Unito, ritiene che la sua valuta criptata possa rispondere alla crisi degli alloggi a prezzi accessibili in Gran Bretagna e rendere la proprietà un bene più liquido, il tutto trasformandolo in profitto.

Per saperne di più abbiamo parlato con il fondatore dell'azienda, James Hare.

"Brikcoin è nata dalla passione di una vita per la proprietà e lo sviluppo e quando, all'alba della Blockchain, mi sono posto una domanda molto semplice: La tecnologia Blockchain può essere applicata al settore degli immobili? E la risposta clamorosa è stata: sì. In realtà, il problema economico più urgente nel Regno Unito è proprio la crisi degli alloggi a prezzi accessibili. E ho pensato di affrontarlo usando la tecnologia Blockchain e creando una comunità intorno ad essa", racconta James Hare.

- James O'Hagan, Euronews:
"E quindi tutto nasce solo per la crisi degli alloggi a prezzi accessibili?"

Euronews

James Hare, fondatore di Brikcoin:
"È la nostra crisi economica numero uno nel Regno Unito. Abbiamo un milione e 800.000 persone in lista d'attesa per avere un'abitazione e crescono di giorno in giorno. Abbiamo bisogno di oltre tre milioni di case da costruire nei prossimi 20 anni. E attualmente ne stiamo realizzando solo una piccola parte".

"Il nostro è un modello di business sociale".
James Hare
Brikcoin

- James O'Hagan, Euronews:
"E, quindi, dal punto di vista degli investitori, cosa possono aspettarsi se decidono di investire in Brikcoin?"

James Hare, fondatore di Brikcoin:
"Prima di tutto siamo sostenuti da un patrimonio. Ciò significa che di ogni sviluppo immobiliare che costruiamo mantieniamo la proprietà, diamo le chiavi di quello sviluppo alle autorità locali per un periodo di 50 anni in cambio di un contratto di locazione. Ma, come ho detto, manteniamo la proprietà dell'edificio. In secondo luogo, realizziamo un profitto in termini di ulteriore crescita, come farebbe qualsiasi imprenditore privato. E, terzo, le famiglie vogliono spendere in maniera ragionevole, usando il brickcoin in un mercato potenzialmente enorme, spendendo la nostra moneta e confidando in una rivalutazione futura del valore del brikcoin. Probabile, visto che siamo una società in grande crescita".

- James O'Hagan, Euronews:
"Quando si acquista un'unità di brikcoin corrisponde a un mattone?"

James Hare, fondatore Brikcoin:
"In realtà no. Penso che il modo di vedere la cosa sia questo: ottenere il giusto risalto per l'investimento stiamo facendo come azienda privata di sviluppo e trasformare il tutto effettivamente in singoli mattoni...Questo è il nostro progetto di "business sociale", possiamo chiamarlo cosi, se vogliamo davvero avere qualche possibilità di risolvere il grande problema abitativo... ci sono altri progetti in Blockchain cercano di farlo, vogliamo che la nostra comunità benefici di tutto ciò che sta succedendo nel nostro mondo, non solo per un singolo mattone in una singola proprietà.

- James O'Hagan, Euronews:
"La società è registrata in Regno Unito, ma l'attività è qui a Dubai. Quali sono i vantaggi di lanciare un'attività, ma di avere sede a Dubai?"

James Hare, fondatore di Brikcoin:
"Penso che sia il fattore hub. Vivo a Dubai da 22 anni. È la mia casa. Amo questa città, la sua sicurezza e la sua natura".

Euronews
James Hare e James O'Hagan durante l'intervista realizzata a Dubai.Euronews

La nuova corsa "privata" alla Luna

L'umanità sta correndo di nuovo verso la luna e gli investimenti nell'esplorazione dello spazio stanno salendo alle stelle.
La cosiddetta "economia lunare" sta democratizzando nuove frontiere per le start-up con ambizioni interplanetarie.
Lo stesso Elon Musk, con la sua SpaceX, non nasconde l'ambizione di portare di nuovo l'uomo sulla Luna entro il 2024.
Intanto, una start-up inglese spera di portare sulla Luna la sua prima navicella spaziale - senza umani a bordo - entro il 2021.

"Dal punto di vista commerciale, è molto interessante il fatto che crediamo nell'economia lunare".
Pavlo Tanasyuk
Fondatore e CEO SpaceBit

Un tempo dominio esclusivo di governi e strutture militari, l'esplorazione dello spazio sta aprendo mondi vastissimi di opportunità nel settore privato. E le ambizioni interplanetarie stanno facendo salire alle stelle gli investimenti nel settore aerospaziale, con la previsione che il mercato spaziale globale possa raddoppiare entro il 2030.
L'azienda inglese SpaceBit ha lo sguardo fisso sulla Luna.

Spiega Pavlo Tanasyuk, fondatore & CEO di SpaceBit:
"La nostra azienda ha cinque anni. Abbiamo lavorato in modalità stealth per diversi anni e ora è il tempo di rivelare i nostri due entusiasmanti progetti. Uno di questi è Space Moon Rover e l'altro è un lander. In realtà si tratta di una prima navicella, che potrà volare di nuovo e ri-atterrare in diversi punti della Luna. La stiamo sviluppando nel Regno Unito e porteremo il nostro lander per il test negli Emirati Arabi nella primavera del 2020. Il nostro primo lancio di questo Spyder lunare avverrà nel 2021".

Euronews
Il prototipo di lander di SpaceBit.Euronews

Ma con spese così enormi per le fasi di ricerca e sviluppo in questo campo, è davvero commercialmente possibile per una start-up?

"La Luna? Un punto di partenza per Marte"

Euronews

"Dal punto di vista commerciale, è molto interessante il fatto che crediamo nell'economia lunare", continua Pavlo Tanasyuk.
"Crediamo nella costruzione di un'economia lunare. Crediamo nell'estrazione di risorse minerali sulla superficie lunare anche nel prossimo futuro. La Luna potrebbe trovarsi in un posto molto interessante per andare da qualche altra parte, per esempio su Marte. Tra qualche anno vogliamo far atterrare con successo il nostro rover lunare sulla Luna. Così saremo nella posizione di offrire opportunità commerciali ad altre compagnie per volare con noi sulla Luna. E non solo le aziende, ma anche i governi. Questo ci posizionerà come azienda leader nel settore aerospaziale e come una delle aziende in grado di portare carichi utili sulla Luna: stiamo, infatti, pianificando di vendere la nostra capacità di carico. Le previsioni a lungo termine sono che un chilogrammo del carico utile costerà circa un milione di dollari".

Con gli investitori che prevedono che l'"economia spaziale" raggiungerà i 1.000 miliardi di dollari entro il 2030, un settore che una volta era riservato a pochissimi, ora diventa improvvisamente a portata di mano per (quasi) tutti.
Ma gli investimenti iniziali necessari per la progettazione, naturalmente, non sono veramente per tutti.
Per tornare sulla Luna, vale sicuramente la pena di fare qualche "sacrificio".

Grafica Euronews

Link utili

Tesla

Brikcoin

SpaceBit