ULTIM'ORA

Ferì figlia occidentale, chiesti 13 anni

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VERCELLI, 14 NOV – Tredici anni di reclusione. E’ la
condanna chiesta dall’accusa per El Mustafa Hayan, marocchino di
53 anni che il 15 marzo a Livorno Ferraris (Vercelli) tentò di
investire la figlia di 20 anni, Miriam, per la sua troppa
intraprendenza e la voglia di autonomia. E’ accusato di tentato
omicidio aggravato e maltrattamenti. Un padre padrone, come lo hanno descritto i testi della
procura, “che reagiva in maniera spropositata – ha detto il pm
nella requisitoria – durante i litigi con la figlia. L’imputato
non ha compreso la gravità dei fatti, e la sua versione non
trova fondamento nella realtà”. Durante la sua testimonianza,
Hayan ha ribadito che non intendeva investirla. “Si è presa
paura – ha detto – e si è buttata sull’auto”. Per i difensori del marocchino, Fabio Merlo e Andrea Fontana,
non ci sono riscontri sulla volontà di Hayan di uccidere la
figlia. Per questo ne hanno chiesto l’assoluzione o, in
subordine, la riqualificazione del reato in lesioni colpose o
dolose. Sentenza il 12 dicembre.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.