EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Fondi Marche, 4 condanne, 55 a giudizio

Fondi Marche, 4 condanne, 55 a giudizio
Gip Ancona, peculato. Ma gran parte capi imputazione caduti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 11 NOV - Quattro condanne di ex consiglieri regionali Marche in abbreviato per peculato a pene (sospese) comprese tra uno e due anni di reclusione, un'assoluzione e 55 rinviati a giudizio. Lo ha deciso il gup di Ancona Francesca De Palma nel procedimento per le cosiddette "spese facili" in Consiglio regionale tra 2008 e 2012. Anche per quanto riguarda le persone condannate, che preannunciano ricorso in appello, è caduta la maggior parte delle imputazioni contestate dal pm Ruggiero Dicuonzo. La pena più alta a Lidio Rocchi (due anni e responsabilità per circa 29.500 euro di spese). Un anno e otto mesi a Giovanni Zinni (9.110 euro), un anno a Stefania Benatti (2.325 euro), un anno ad Adriana Mollaroli (856 euro). A queste ultime due attenuante per la particolare tenuità del fatto oltre alle generiche concesse a tutti. Assolto Francesco Acquaroli, ora deputato Fdi, perché il fatto non sussiste, stessa formula usata dal giudice per altre accuse escluse. Il processo per i 55 imputati inizierà il 3 giugno ad Ancona.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rafah, Israele controlla corridoio Philadelphi tra Gaza e Egitto: aiuti ridotti del 70%

Così il Belgio si prepara alle elezioni federali, regionali ed europee

Le notizie del giorno | 30 maggio - Mattino