EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dopo furti stop reddito cittadinanza

Dopo furti stop reddito cittadinanza
Erano stati arrestati col altri due per furto di cavi di rame
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRINDISI, 7 NOV - Sono stati arrestati per furto di cavi di rame dal nastro trasportatore della centrale Enel di Brindisi e per due di loro il giudice che ha convalidato l'arresto e ha disposto anche la sospensione dell'erogazione del reddito di cittadinanza. E' accaduto a Brindisi dove nei giorni scorsi i carabinieri hanno colto in flagranza quattro persone: Alessandro Coluccello, Tonino Ferrari, Salvatore Vitasevic e Roberto Galluzzo. Il valore della refurtiva ammonta, secondo le stime, attorno ai 30mila euro. Il giudice Angelo Zizzari, dinanzi al quale si è celebrata la prima udienza del processo per direttissima, ha convalidato l'arresto e ha poi rimesso tutti in libertà gli indagati sottoponendoli ad obbligo di firma. Per due degli imputati, Ferrari e Vitasevic, ai sensi del decreto legge del gennaio 2019, è stata disposta la sospensione del reddito di cittadinanza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 18 giugno - Mattino

Il segretario della Nato Stoltenberg incontra Biden alla Casa Bianca, colloquio su Ucraina e Difesa

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare