ULTIM'ORA

Curdi in fuga, qui per evitare militare

Curdi in fuga, qui per evitare militare
'Turchi ci reclutano e ci inviano a combattere la nostra gente'
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 29 OTT – Il flusso di profughi curdi verso
l’Europa rischia di subire un’impennata per gli sconvolgimenti
in atto tra la Turchia e la Siria. L’attesa di una ‘ondata’
migratoria è infatti ritenuta scontata nella comunità curda
residente in Italia – concentrata in una decina di città tra cui
Milano e Varese – e anche tra attivisti ed esperti di asilo
politico. “I turchi ci mandano a combattere contro la nostra
gente – spiega uno di loro – E’ una crudeltà orribile, e noi
disertiamo e lasciamo il Paese nei doppifondi dei camion. Meglio
che ammazzare i nostri fratelli”. A scappare non ci sono infatti solo i curdi siriani,
costretti a lasciare i propri insediamenti, ma anche molti
giovani curdi che vivono in Turchia. “Sostengono – spiega Milena
Ruffini, avvocato di Busto Arsizio (Varese) esperta in diritto
dell’immigrazione – che i turchi li reclutino inviandoli a
combattere nelle zone di origine”. Su Internet si raccontano già
casi in cui amici, o parenti, si sarebbero sparati e uccisi
portando due divise diverse.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.