Vaticano condanna furto statue indigene

Vaticano condanna furto statue indigene
'Episodio triste di nuovi iconoclasti, da odio social ad azione'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 OTT - Il Vaticano condanna "il triste episodio del furto e della distruzione delle immagini amazzoniche", avvenuto ieri. Le statuette di legno, raffiguranti una donna incinta, sono state rubate nella chiesa della Traspontina per essere gettate nel Tevere. "In nome della tradizione e della dottrina - scrive il direttore editoriale di Vatican News Andrea Tornielli - si è buttata via, con disprezzo, un'effigie della maternità e della sacralità della vita. Un simbolo tradizionale per i popoli indigeni che rappresenta il legame con la nostra 'madre terra', definita così da san Francesco d'Assisi nel suo Cantico delle Creature". Tornielli definisce gli autori del gesto "nuovi iconoclasti, passati dall'odio attraverso i social media all'azione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco