EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Avv.Stato,non demolire norma lotta mafia

Avv.Stato,non demolire norma lotta mafia
Corte Costituzionale si pronuncia su ergastolo ostativo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Non si demolisca una norma che ha sempre funzionato" nella lotta alla mafia e al terrorismo e che "costituisce un incentivo alla collaborazione". Gli avvocati dello Stato Marco Corsini e Maurizio Greco hanno rivolto un appello alla Consulta nell'udienza pubblica che ha preceduto la camera di consiglio, in cui i giudici dovranno decidere se è compatibile con la Costituzione l'articolo 4 bis dell' ordinamento penitenziario che non consente l'accesso ai benefici penitenziari per i condannati all'ergastolo ostativo, previsto per una serie di reati gravi a partire da mafia e terrorismo, se non collaborano. I difensori dei due ergastolani (Valerio Vianello Accorretti, Mirna Raschi e Michele Passione) che hanno portato il caso davanti alla Consulta, hanno chiesto invece che sia dichiarata l'incostituzionalità della norma perchè in contrasto con la funzione rieducativa della pena. E hanno spiegato che una pronuncia di questo tipo non indebolirebbe il fenomeno dei collaboratori di giustizia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Striscia di Gaza: raid su Khan Younis dopo ordine evacuazione, decine di morti

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane

Corea del Sud, i lavoratori della Samsung Electronics in sciopero