ULTIM'ORA

Strage Bologna, testimonia Vinciguerra

Strage Bologna, testimonia Vinciguerra
'In carcere un austriaco mi disse che autori furono i Nar'
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLOGNA, 16 OTT – Nella strage di Bologna “le
responsabilità politiche non sono mai state sfiorate, sono stati
toccati solo i portatori di valige”. Lo ha detto Vincenzo
Vinciguerra, ex membro di Ordine Nuovo e Avanguardia Nazionale,
in aula a Bologna come testimone nell’ambito del processo che
vede imputato l’ex Nar Gilberto Cavallini per concorso nella
strage del 2 agosto 1980. Vinciguerra, condannato per la strage di Peteano del 1972, e
legato a Pietro Battiston (membro del gruppo ‘La Fenice, vicino
ad Ordine Nuovo), ha detto di “non aver mai incontrato, visto o
parlato con Cavallini”, ma di aver saputo in carcere, nel 1982,
da un malavitoso austriaco detenuto per droga, che a commettere
l’attentato a Bologna furono proprio “Cavallini, Mambro e
Fioravanti”. “La strage della stazione, secondo la mia opinione – ha spiegato il teste – nasce da un motivo preciso, per
spegnere i riflettori e depistare le indagini sulla strage di
Ustica. Basta vedere i tg e i giornali dopo Bologna per capire
che Ustica era scomparsa”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.