ULTIM'ORA

Accumulatori rubati finivano in Africa

Accumulatori rubati finivano in Africa
Presi da ripetitori nel Nord-Est. La banda era di napoletani.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 16 OTT – Accumulatori sottratti da cabine
elettriche per la telefonia che finivano in Africa, in
Burkina-Faso, ad alimentare l’energia delle case private. Per
l’inusuale traffico sono state eseguite 13 misure cautelari
eseguite dalla Polizia stradale della Lombardia in
collaborazione con i colleghi di Napoli: tra le ipotesi
accusatorie, oltre all’associazione per delinquere finalizzata
al furto e alla ricettazione, anche il reato di “attentato alla
sicurezza delle telecomunicazioni”. Gli arresti sono stati eseguiti in Campania, Lombardia e
Veneto: 7 indagati sono in carcere, 3 ai domiciliari e per 3 c‘è
l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria (due sono
del Burkina-Faso). Il gruppo è sospettato di un centinaio di
furti con un danno ingente per le istallazioni di Tim, Vodafone
e ‘3’, in impianti con ripetitori, nel Nord-Est. L’assenza delle
batterie durante dei black-out ha provocato vuoti di copertura
in aree molto estese, e il danno si aggira sugli 8 milioni di
euro all’anno.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.