Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Portogallo: quando il turismo e il capitale straniero cacciano i portoghesi dalle loro case

Portogallo: quando il turismo e il capitale straniero cacciano i portoghesi dalle loro case
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Maria Augusta Ferrão non si sarebbe mai aspettata di essere sfrattata a 86 anni. È una delle vittime della gentrificazione che sta riguardando città turistiche come la sua Porto. Lo scorso anno la nuova proprietaria della sua casa le ha chiesto di trasferirsi in un'altra abitazione, più piccola e che costa otto volte di più, per un importo quasi pari al valore della sua pensione.

"Mi ha detto che se non me ne andrò con le buone, mi manderà via lei con le cattive", racconta l'anziana, "Mi ha minacciato molte volte in passato. Ora ho sul mio comodino il numero della polizia. Se arriverà di nuovo chiamerò gli agenti, perché non può venire qui a minacciarmi".

"Voglio morire nella casa in cui sono nata, dove sono morti i miei genitori, mio marito e la mia madrina. Piuttosto che lasciarla, preferisco che Dio mi mandi al cimitero. Per un certo periodo ho pensato di buttarmi dalla finestra, ma il Signore mi ha tolto questa idea dalla testa".

Nello stesso edificio vive un'altra donna, affetta da disabilità, che rifiuta di andarsene. Entrambe vivono in un cantiere, perché la proprietaria ha iniziato i lavori di ristrutturazione del palazzo con loro dentro.

La sorella della signora disabile racconta: "Hanno demolito il bagno. Quando mia sorella è andata a prendere la pensione, le hanno tagliato metà del corrimano, così non può più salire le scale".

Mentre molti portoghesi lottano per non essere sfrattati dalle case dove hanno sempre vissuto, numerosi stranieri comprano facilmente proprietà di lusso e, investendo almeno 500000 euro, possono ottenere un permesso di residenza, il cosiddetto Golden visa.

Sono molti i trasferimenti dall'estero, grazie alle agevolazioni fiscali che il Portogallo offre ai pensionati e a determinate categorie di lavoratori stranieri. È il caso di Grzegorz Pawlik, un ingegnere informatico che beneficia di una flat tax al 20%.

"Collaboro con una compagnia britannica", racconta, "Possiamo lavorare in remoto e un paio di volte all'anno ci riuniamo a Londra per una settimana o due". Paga 700 euro al mese per il suo appartamento nel centro di Porto. Un affitto che molti portoghesi non possono permettersi, visto che il salario medio è di 600 euro.

"So che tanta gente non può pargarlo", dice, "Questo è uno dei più grandi problemi che la città ha".

Il Portogallo è uno dei paesi dell'eurozona dove i prezzi delle case sono saliti maggiormente. Il boom turistico e gli investitori stranieri hanno dopato un mercato che sta tagliando fuori la popolazione locale.