Migranti:Grandi (Unhcr),Libia non sicura

Migranti:Grandi (Unhcr),Libia non sicura
Dopo incontro con Di Maio a New York,'stop a sistema detenzione'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Alla luce del conflitto in corso" in LIbia, "nonchè delle inaccettabili condizioni umanitarie", i ritorni verso la Libia delle persone intercettate in acque internazionali "devono essere evitati in ogni modo e ciò fino a quando la situazione non sarà cambiata". Lo sostiene l'Alto Commissario Onu per i rifugiati, Filippo Grandi, dopo l'incontro avvenuto ieri ieri a New York a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, con il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. L'Unhcr "non considera i centri di detenzione in Libia sicuri per rifugiati e migranti" e l'Alto Commissario esprime "profonda preoccupazione per questa situazione ormai protrattasi nel tempo". L'Agenzia Onu chiede "con forza che si ponga fine al sistema della detenzione di migranti e rifugiati e in alternativa di assistere i rifugiati nei contesti urbani o attraverso evacuazioni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svizzera, referendum pensioni: sì ad aumento, no all'età a 66 anni

Russia, sei membri dell'Isis uccisi dall'antiterrorismo in Inguscezia

Portogallo: oltre 200mila elettori alle urne per il voto anticipato