Strage bus ungherese, udienza processo

Strage bus ungherese, udienza processo
Schianto mezzo ungherese nel 2017, morirono 16 studenti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VERONA, 20 SET - L'associazione italiana familiari e vittime della strada onlus si è costituita parte civile nel processo per la strage del pullman ungherese che la sera del 20 gennaio 2017 si schiantò contro un cavalcavia dell'autostrada Milano-Venezia, vicino a Verona Est, causando la morte di 16 studenti e di uno dei due autisti. "Siamo pronti a dare battaglia in aula - ha detto il presidente Alberto Pallotti - contro questa ipotesi trapelata nelle ultime ore, con l'autista ungherese, Janos Varga, che potrebbe a sorpresa dichiarare di non essere stati lui alla guida, ma il collega morto nel rogo". Oggi in una conferenza stampa con i legali dell'associazione e alcuni familiari delle vittime è stato spiegato che il processo non è ancora entrato nel vivo e anche l'udienza di oggi è stata interlocutoria e rinviata al prossimo 24 gennaio. "Abbiamo prove schiaccianti contro l'autista e contro la società che gestisce quel tratto di autostrada" ha aggiunto Pallotti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti

Le notizie del giorno | 01 marzo - Pomeridiane

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio