ULTIM'ORA

La Spagna torna alle urne. Falliti i tentativi di Sánchez di formare un governo

La Spagna torna alle urne. Falliti i tentativi di Sánchez di formare un governo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna tornerà alle urne per la quarta volta in quattro anni. Dopo quasi cinque mesi di trattative il socialista Pedro Sánchez, che ad aprile aveva ottenuto il 28% dei consensi, non è riuscito a trovare un accordo per formare un governo.

Al termine delle consultazioni Felipe di Spagna ha annunciato che non affiderà alcun incarico, ma si andrà a elezioni anticipate, a novembre. Una crisi su cui ha pesato la mancata intesa tra Sanchez e la sinistra di Pablo Iglesias, leader di Podemos, fra vari punti tra cui l'indipendenza catalana.

L'ultimo tentativo risale a inizio settembre, quando Sánchez aveva proposto un programma di 300 punti a Iglesias, che a luglio aveva negato la fiducia al premier incaricato per non aver ottenuto alcuni ministeri. Pochi giorni fa Sanchez aveva offerto a Podemos diversi ruoli chiave, ma nessun ruolo nel Consiglio dei Ministri.

Senza esito anche le trattative con il Partito popolare, di centrodestra, e Ciudadanos, formazione emergente di centro, che avevano ottenuto rispettivamente il 17 e il 16% dei voti. Podemos aveva raccolto invece il 12% dei consensi.

"Pedro Sánchez commette un enorme errore storico - è stato il commento di Iglesias - costringendo alle elezioni per l'ossessione di monopolizzare un potere assoluto che gli spagnoli non gli hanno dato".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.