Due trans baresi bloccati a Sharm

Due trans baresi bloccati a Sharm
Familiare, 'motivazione sarebbero documenti non corrispondenti'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 24 AGO - Due transessuali di Bitonto (Bari) sono stati bloccati e trattenuti dalla polizia aeroportuale egiziana al loro arrivo ieri a Sharm El Sheik, dove si erano recati in vacanza con due loro amici: lo ha detto all'ANSA la sorella di uno di loro, Ivana Sannicandro. Si tratta di Cosimo 'Loredana' Corallo, 43 anni, e Michele 'Mikela' Sannicandro, di 45 anni. Tecnicamente il fermo provvisorio, in attesa di essere rimpatriati in Italia, sarebbe dovuto al fatto che le autorità egiziane non ritengono validi i loro documenti, ma gli amici parlano di visto negato per il loro orientamento sessuale. "Mia sorella è stata fermata in aeroporto - racconta all'ANSA Ivana Sannicandro -, la motivazione è che pensano che i documenti non corrispondano a lei, a loro. Non sono documenti falsi, ma pensano non siano loro in quanto trans". Al momento la famiglia non ha ancora interpellato un avvocato, né sa quando è previsto il rientro in Italia: "Ma è certo che se non rientrano oggi, vado io", afferma la sorella.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti

Le notizie del giorno | 01 marzo - Pomeridiane

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio