ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vescovo Norcia, sfollati 'come' migranti

Vescovo Norcia, sfollati 'come' migranti
"Stessa responsabilità morale" afferma presidente Ceu
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BEVAGNA (PERUGIA), 23 AGO – C‘è “poca differenza”
tra i migranti “trattenuti” sulle navi e gli sfollati del sisma
in centro Italia costretti a vivere fuori dalle loro abitazioni.
A sostenerlo è il presidente della Conferenza episcopale umbra e
vescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo nel ricordare
il terzo anniversario della prima forte scossa. Parole
pronunciate a Bevagna nel corso dell’omelia per la festa del
beato Giacomo Bianconi. “C‘è poca differenza e direi c‘è la stessa responsabilità
morale – ha detto monsignor Boccardo – nel trattenere migranti e
profughi su una nave in attesa di un porto sicuro e
nell’obbligare tanta gente a vivere fuori dalla propria casa
nella precarietà e nell’attesa”. “Nell’anniversario della prima scossa del terremoto c‘è un
verbo – ha aggiunto il presidente della Ceu – che è urgente
declinare con serietà e responsabilità ed è restituire. Bisogna
restituire con urgenza alle popolazioni della Valnerina la
fiducia che è stata loro rubata”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.