Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Vedova S.Marco Lamis, basta nascondersi

Vedova S.Marco Lamis, basta nascondersi
'Ognuno di noi è potenzialmente in pericolo'
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – SANMARCO IN LAMIS (FOGGIA), 9 AGO – “Non bisogna
più aver paura. Io non smetterò mai di ricordare che qui a terra
la mattina del 9 agosto 2017 invece di Luigi e Aurelio poteva
esserci chiunque. Finché continuiamo a nasconderci, a far finta
di niente, ognuno di noi è potenzialmente in pericolo. Ormai è
chiaro: la mafia non guarda in faccia a nessuno”. Così
Arcangela Luciani, vedova di Luigi, fratello di Aurelio – entrambi assassinati a S.Marco in Lamis – li ricorda vittime
innocenti della criminalità mafiosa, uccisi quel giorno assieme
al boss Mario Luciano Romito e al cognato Matteo De Palma, vero
obiettivo dei sicari. Il secondo anniversario è stato
commemorato alla stele nella vecchia stazione, dove è avvenuta
la strage. “Vorrei urlare ridatemi mio marito – ha aggiunto -.
In questi due anni ho sentito dire più volte: lo Stato c‘è. Ma
vorremmo sentire dire: lo Stato ci sarà sempre”. Poi ha chiesto
scusa, alle forze di polizia, “da parte di tutti i cittadini che
non riescono a trovare ancora il coraggio di denunciare”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.