Chiuso processo su suicidi a France Telecom

Chiuso processo su suicidi a France Telecom
Dimensioni di testo Aa Aa

È stato uno dei processi più mediatizzati degli ultimi anni e si è concluso questo giovedì. Sul banco degli imputati France Telecom ed alcuni suoi ex dirigenti fra cui l'ex amministratore delegato Didier Lombard. Il verdetto però non si conoscerà prima del 20 dicembre.

Si trattava di un procedimento per molestie morali. Un dossier molto duro che riguardava 39 dipendenti, 19 dei quali si sono suicidati. Si trattava del periodo in cui France Telecom si stava trasformando in Orange, un'operazione che aveva comportato il licenziamento di 22.000 lavoratori su tre anni.

Il difensore di Lombard nega l'impianto accusatorio: "Il mio assistito non ha molestato nessuno, non si può pensare che qualcuno vada in un'azienda per esasperare le persone".

L'accusa ha richiesto il massimo previsto per i casi di molestie: 75000 euro di pena per France Telecom, un anno di prigione e 15.000 euro contro i suoi ex dirigenti. La difesa invece chiede l'assoluzione su tutta la linea. Contro Lombard anche la frase a lui imputata al tempo dei tagli del personale e usata dai sindacati per criticarlo: "Queste persone in eccesso andranno via dalla porta o dalla finestra".