Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Uccisa per l'eredità: fratello confessa

Uccisa per l'eredità: fratello confessa
Cagliari, ampie ammissioni a pm e gip, "ho perso la testa"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAGLIARI, 2 LUG – Ha confessato l’omicidio della
sorella, prima ieri notte in carcere davanti al pm Alessandro
Pili e poi questa mattina alla Gip del Tribunale di Cagliari,
Lucia Perra, durante l’udienza di convalida che si è tenuta nel
penitenziario di Uta. Massimo Mallus, 52 anni, si è dunque
assunto la responsabilità del delitto, confermando di aver perso
la testa al culmine di un litigio per ragioni economiche legate
alla compravendita di una casa intestata all’anziana madre, un
lascito di 20mila euro che i fratelli si contendevano. Mallus ha ammesso di aver accoltellato ripetutamente la
sorella Susanna, di 55 anni, sotto gli occhi della madre 83enne
e malata, che la vittima accudiva vivendo in casa con lei,
amministrando anche le sue finanze. Venti i colpi inferti dal
collo alle gambe, come ha riscontrato il medico legale durante
l’autopsia, quello letale alla gabbia toracica che ha trapassato
cuore e polmone: la morte è avvenuta in pochi minuti.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.