Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Pestato a morte, 'vessazioni concausa'

Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TARANTO, 28 GIU – Le vessazioni subite da Antonio
Cosimo Stano – il 66enne pensionato di Manduria (Taranto) morto
il 23 aprile dopo aver subito una lunga serie di aggressioni,
rapine e angherie da parte di più gruppi di giovani – possono
essere considerate concause del decesso. La Questura di Taranto
in una nota spiega che gli accertamenti disposti da Procura di
Taranto e Procura per i Minorenni sulla documentazione clinica e
sull’autopsia “consentono di mettere in correlazione l’esito
fatale e le azioni criminose ad oggi addebitate”. Per l’analisi
della documentazione clinica e degli esiti dell’esame autoptico
compiuto sul corpo di Stano è stato conferito incarico ad uno
specialista in medicina legale, la dottoressa Liliana
Innamorato. E’ destinata dunque ad aggravarsi la posizione della baby
gang: allo stato ci sono 23 indagati e solo 3 sono maggiorenni.
Tra loro, anche una ragazzina iscritta a una delle chat in cui
venivano condivisi i video delle aggressioni e un 13enne non
imputabile per la sua età.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.