Libro bianco, 30% arresti è per droga

Libro bianco, 30% arresti è per droga
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Da tre decenni il Testo unico sulle droghe (legge Jervolino-Vassalli) è la causa principale di ingresso nelle carceri. Se nel mondo la media degli arresti per reati connessi alle droghe è intorno al 20%, in Italia siamo stabili al 30%. Un fenomeno che incide sul sovraffollamento delle carceri al punto che "senza gli arresti dovuti al proibizionismo il sistema penitenziario italiano rientrerebbe nella legalità costituzionale". Lo sostiene il X Libro Bianco sulle droghe promosso dalla Società della Ragione insieme a Forum Droghe, Antigone, CGIL, CNCA e Associazione Luca Coscioni e con l'adesione di altre organizzazioni. Intitolato "La guerra dei 30 anni", il volume - presentato oggi alla Camera - passa in rassegna le politiche messe in atto in questo arco di tempo. E sfata alcuni luoghi comuni. Rivelando che ad esempio solo l'1.14% degli incidenti stradali avviene perchè il guidatore è sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky, il 2024 sarà l'anno della svolta

Le notizie del giorno | 26 febbraio - Mattino

Gaza, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco, ma Netanayahu non arretra su Rafah