EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Morti in corsia: no a nuove perizie

Morti in corsia: no a nuove perizie
Respinta la riapertura del dibattimento, il 3/7 la sentenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 18 GIU - I giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano hanno respinto la richiesta della difesa di riaprire l'istruttoria dibattimentale e di disporre due perizie, di cui una psichiatrica, nel processo di secondo grado in abbreviato a carico di Laura Taroni, l'infermiera dell'ospedale di Saronno, in provincia di Varese, imputata per gli omicidi del marito e della madre a cui avrebbe somministrato farmaci ritenuti letali. Nel processo sono anche imputati tre dirigenti dell'ospedale per omessa denuncia e favoreggiamento, e un medico accusato di falso ideologico. La richiesta di disporre due perizie, di cui una psichiatrica per valutare la capacità di intendere e di volere dell'infermiera, era stata formulata questa mattina dal difensore di Taroni, l'avvocato Monica Alberti, che aveva parlato di un quadro accusatorio "indiziario". La Corte ha rinviato al prossimo 26 giugno per la discussione del sostituto pg Annamaria Ciaravolo e dei difensori. La sentenza è prevista per il 3 luglio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen