'Fu illuso', attenuante per omicidio

'Fu illuso', attenuante per omicidio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 30 MAG - Prima è stato "illuso" sulla possibilità di essere aiutato a trovare un lavoro, poi si è sentito ridotto a "mero strumento di piacere sessuale", quindi è stato minacciato con insistenza e in modo ingiustificato con un coltello, con l'intimazione di andarsene. Sono le azioni che, secondo la Corte di assise di appello di Bologna, ha subito Desmond Newthing, nigeriano a processo per l'omicidio dell'imprenditore Lanfranco Chiarini. Un comportamento che lo avrebbe portato a reagire, uccidendo. Per questo all'imputato è stata concessa l'attenuante della provocazione: aver reagito in uno stato d'ira determinato da un fatto ingiusto. Insieme all'assoluzione dall'accusa di rapina di una valigia con mille euro, questo ha portato a una riduzione della pena, da 16 anni a 12 anni e 6 mesi. L'omicidio risale al 4 gennaio 2017 e avvenne nella casa dell'imprenditore 76enne a Castel San Pietro Terme. L'anziano fu ritrovato morto e Newthing, richiedente asilo in quanto omosessuale, fu fermato una settimana dopo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"