ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Falcone: "dissidenti" bunker a Capaci

Falcone: "dissidenti" bunker a Capaci
Da dove i boss fecero esplodere ordigno, per non dimenticare
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PALERMO, 23 MAG – Chi ha deciso di non prendere
parte alla cerimonia di commemorazione all’aula bunker
dell’Ucciardone e al Giardino della Memoria per contestare la
presenza del ministro dell’Interno Matteo Salvini, ha
organizzato un’altra manifestazione alla Casina “No mafia” di
Capaci da dove i mafiosi hanno innescato l’ordigno che esplose
il 23 maggio del 1992. “Non è una contromanifestazione – spiega
Antonio Vassallo – Venire qui in questo luogo anche oggi è la
testimonianza di quanto abbiamo continuato a fare in tutti
questi anni. Non dimenticare. E lo facciamo tutti i giorni. Qui
ogni settimana è un continuo via vai di turisti, scolaresche che
vengono a dire No alla Mafia”. Tra i volti storici
dell’antimafia che hanno aderito alla manifestazione e
boicottato la cerimonia ufficiale, Giovanni Impastato, fratello
di Peppino, militante di Dp ucciso dalla mafia e Don Luigi
Ciotti. Anche Anpi e Arci Palermo hanno hanno aderito a questo
sit in.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.