Falcone: "dissidenti" bunker a Capaci

Falcone: "dissidenti" bunker a Capaci
Da dove i boss fecero esplodere ordigno, per non dimenticare
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - Chi ha deciso di non prendere parte alla cerimonia di commemorazione all'aula bunker dell'Ucciardone e al Giardino della Memoria per contestare la presenza del ministro dell'Interno Matteo Salvini, ha organizzato un'altra manifestazione alla Casina "No mafia" di Capaci da dove i mafiosi hanno innescato l'ordigno che esplose il 23 maggio del 1992. "Non è una contromanifestazione - spiega Antonio Vassallo - Venire qui in questo luogo anche oggi è la testimonianza di quanto abbiamo continuato a fare in tutti questi anni. Non dimenticare. E lo facciamo tutti i giorni. Qui ogni settimana è un continuo via vai di turisti, scolaresche che vengono a dire No alla Mafia". Tra i volti storici dell'antimafia che hanno aderito alla manifestazione e boicottato la cerimonia ufficiale, Giovanni Impastato, fratello di Peppino, militante di Dp ucciso dalla mafia e Don Luigi Ciotti. Anche Anpi e Arci Palermo hanno hanno aderito a questo sit in.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: il punto sugli aiuti a Gaza, Chico Forti torna in Italia

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas