ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Morta Ponte Sisto, ok carcere a indagato

Morta Ponte Sisto, ok carcere a indagato
Il 26enne si difende,"non l'ho uccisa io".Incastrato da un video
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 15 MAG – Resta in carcere Stephan Iulian Catoi,
il 26enne accusato dell’omicidio di Imen Chatbouri, la donna di
origine tunisina spinta dal parapetto del Lungotevere,
all’altezza di Ponte Sisto, la notte tra primo e il due maggio
scorso. Lo ha deciso il gip al termine dell’interrogatorio di
convalida del fermo svolto questa mattina nel carcere di Regina
Coeli. Il giudice ha emesso una ordinanza di custodia cautelare
in carcere. Il cittadino romeno è stato individuato grazie alle
immagini di alcune telecamere che lo hanno ripreso nell’azione
omicidiaria ai danni dell’ex atleta di 37anni con quale, in base
a quanto ricostruito dagli inquirenti, aveva trascorso la
serata. Davanti al gip l’indagato ha respinto le accuse “Non
sono stato io ad ucciderla”, ha detto davanti al gip nell’ambito
dell’interrogatorio di convalida.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.