ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Reina, tutti hanno sentito cori razzisti

Reina, tutti hanno sentito cori razzisti
Portiere Milan: "Segnalarli è lavoro di arbitri e Procura"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 26 APR – “Segnalare i cori razzisti? Non
dobbiamo farlo noi, gli arbitri e la Procura hanno il potere di
farlo, è il loro lavoro, non il nostro. Noi non possiamo fermare
una partita, l’unica cosa che potevamo fare era giocare a
calcio. Sono loro che devono fermare il gioco”. Lo ha
sottolineato il portiere del Milan, Pepe Reina, a proposito del
clima in cui si è giocata la semifinale di coppa Italia con la
Lazio. Bakayoko e Kessie “si sono comportati benissimo,
potevano fare diversamente, tutti avevano sentito i cori dagli
spalti – ha detto -. Onore a loro che non hanno fatto altro che
giocare e pensare alla squadra”. Rispetto all’idea che un
giocatore possa decidere di lasciare la Serie A per gli episodi
di razzismo, lo spagnolo ha commentato: “Non si deve arrivare a
questi pensieri. Speriamo sia l’ultima volta, Bakayoko e Kessie
sono consapevoli che non tutti i tifosi sono così, sono dei
cretini rimasti nel 1800 e dobbiamo voltare pagina. Si deve
essere forti nel lanciare il messaggio del no al razzismo”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.