ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Benzina: Pd attacca Salvini su prezzo

Benzina: Pd attacca Salvini su prezzo
Miccoli, promesse sbandierate sono svanite nel nulla
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 24 APR – “Non farò mai demagogia spiccia. Ma
qui siamo di fronte ad un fatto chiaro, semplice e
inequivocabile: Matteo Salvini aveva promesso che – al primo
Consiglio dei Ministri – avrebbe tagliato le tasse sulla
benzina, in modo da abbassarne il prezzo. È passato circa un
anno, e non lo ha mai fatto. E oggi il prezzo della benzina è ai
massimi, ce ne stiamo accorgendo andando a fare il pieno. Un
politico che fa così può definirsi in un solo modo: un
pagliaccio”. Così Luigi Marattin, capogruppo Dem in commissione
Bilancio alla Camera. “In questi giorni di vacanza e di spostamenti – ha aggiunto
Marco Miccoli, responsabile comunicazione del Pd – gli italiani
hanno ricevuto in regalo dal “Capitano” Salvini aumenti
vertiginosi della benzina, arrivata a sfondare i due euro al
litro. Una sorpresa amara per milioni di italiani che stanno
pagando quella che potremmo definire la “Salvini-Tax” sugli
automobilisti: le promesse sulla riduzione delle accise,
sbandierate dal Vicepremier, sono svanite nel nulla”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.