ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Road Trip: "Non siamo Gomorra". L'altra faccia di Scampia che si allena alla legalità

Road Trip: "Non siamo Gomorra". L'altra faccia di Scampia che si allena alla legalità
Dimensioni di testo Aa Aa

Dal centro di Napoli alla periferia più estrema. Il Road trip di euronews arriva a Scampia, un quartiere tristemente associato alla serie televisiva Gomorra. E considerato un crocevia dove povertà e criminalità sono sinonimi. Scampia però è anche un quartiere che, da tempo, cerca di scrollarsi di dosso questa immagine.

Sul posto incontriamo Gianni Maddaloni, chiamato o “Maè”, padre del campione olimpico di Judo Giuseppe. La sua palestra ha salvato dalla malavita molti ragazzi e continua ad accoglie tutti ad una sola condizione: rispettare le regole. “Questa è ginnastica sociale, qui poche persone pagano, solo chi può permettersi paga e dove non ci sono i genitori, ci siamo noi questo. E’ lo strumento dello sport.”

In questa palestra si cerca di mettere KO l’illegalità e di dare ai ragazzi gli strumenti per un futuro migliore nonostante le difficoltà. Qui gli allenamenti finiscono alle 9 di sera, ma per molti di questi ragazzi la battaglia continua là fuori, sulla strada.

Spesso i ragazzi che vengono qui hanno un passato turbolento, un padre in carcere, una madre che si è trovata a crescere i figli da sola. Francesco Esposito, da bullo di quartiere, 5 anni fa ha deciso di cambiare vita e ora insegna judo ai più piccoli. “Lo sport vuol dire valore e rispetto per gli altri, qualcosa che non avevo quando ero più piccolo. Poi, se hai un maestro cosi severo che ti prende a schiaffi dalla mattina alla sera se ti comporti male, devi cambiare per forza”.

La palestra è anche un punto di riferimento per le famiglia in difficoltà, che qui possono trovare provviste alimentari per arrivare a fine mese. Scampia non è la priorità per i politici ci spiega Lucia Valese. Lei vive qui dagli anni ’70 e porta suo figlio alla palestra Maddaloni. In molti si sentono abbandonati dalle istituzioni. “Vorrei che queste persone venissero a vedere, e non per sentito dire, vorrei che venissero non necessariamente sotto elezioni, ma in modo spontaneo", ci racconta la signora.

Un appello quello dei genitori di Scampia rivolto ai politici, a poche settimane delle elezioni europee, a non dimenticarsi delle periferie e dei loro giovani.