ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Inchiesta pompe funebri, chiusa indagine

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLOGNA, 16 APR – La Procura di Bologna ha chiuso le
indagini dell’inchiesta ‘Mondo Sepolto’, che tre mesi fa portò
alla luce due cartelli di imprese che ‘controllavano’ le camere
mortuarie dell’ospedale Maggiore e del Sant’Orsola di Bologna.
Il pm Augusto Borghini ha inviato infatti 74 avvisi di fine
indagine, atto che di solito precede la richiesta di rinvio a
giudizio, ad altrettante persone fisiche e aziende. Tra i reati
contestati, a vario titolo, oltre alla corruzione e
all’associazione a delinquere, c‘è anche il riciclaggio e alcune
violazioni fiscali. L’inchiesta emerse il 17 gennaio, quando i carabinieri
eseguirono 30 misure cautelari: nove in carcere, 18 ai
domiciliari e 3 divieti di esercizio d’impresa. Secondo gli
inquirenti a spartirsi il mercato dei funerali erano due
associazioni: il consorzio ‘R.I.P. Service’, guidato da
Giancarlo Armaroli, amministratore della ‘Armaroli Tarozzi’, che
aveva il monopolio del Maggiore e il ‘Cif’, con il suo
presidente Massimo Benetti, che aveva in pugno il Sant’Orsola.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.