ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Torre Maura ancora contro i nomadi

Torre Maura ancora contro i nomadi
Ancora sequestrato il pane. Di Maio, sgonfiare tensioni sociali
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 4 APR – Ancora una volta l’oltraggio al pane,
ancora una volta gli insulti e le proteste. “Fino a quando non
se ne saranno andati tutti, noi da qua non ci muoviamo”,
ripetono come un mantra. A Torre Maura, periferia est di Roma,
la tensione non accenna a placarsi. Decine di residenti,
nonostante la pioggia, presidiano l’accesso del centro
d’accoglienza dove sono ospitati i nomadi. Accanto a loro
militanti di Casapound, impegnati in dirette social con i loro
smartphone. “Ci sono tensioni sociali da sgonfiare”, è stata la
presa di posizione del vicepremier Luigi Di Maio, mentre la
sindaca Virginia Raggi ha definito “bestie” i militanti di
Casapound e Forza Nuova. Quell’estrema destra che per i prossimi
due giorni ha organizzato fiaccolate e manifestazioni nel
quartiere. Anche oggi, come accade ormai da due giorni, i
cittadini si sono ritrovati davanti alla struttura di via dei
Codirossoni, sorvegliando il viavai di pullmini che oggi ha
trasferito altri 16 nomadi.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.