ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucciso in riva a Po, confessa un giovane

Ucciso in riva a Po, confessa un giovane
Si è presentato poche ore dopo la marcia che chiedeva la verità
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - TORINO, 31 MAR - Svolta nelle indagini sull'omicidio di Stefano Leo, il giovane ucciso lo scorso 23 febbraio in riva al Po, a Torino, nella zona dei Murazzi. In queste ore, gli inquirenti stanno valutando di procedere al fermo di indiziato di delitto di un 27enne italiano di origini marocchine con piccoli precedenti penali. I carabinieri e i magistrati titolari delle indagini hanno trovato i primi riscontri alle confessioni del fermato, tra cui la presunta arma del delitto. A poche ore dalla marcia organizzata dal padre di Stefano Leo e dagli amici per chiedere di far luce sulla sua morte, il 27enne si è presentato spontaneamente in Questura, che ha subito avvisato i carabinieri del Comando provinciale, titolari dell'inchiesta. Condotto dai militari dell'Arma presso gli uffici del Comando Provinciale di Via Valfrè, l'uomo è stato interrogato alla presenza del suo difensore di fiducia. Le indagini proseguono per la raccolta di ulteriori riscontri al delitto, anche ai fini di chiarirne il movente.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.