Revenge porn, vittima querela Zuckerberg

Revenge porn, vittima querela Zuckerberg
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 30 MAR - Non aveva accettato la fine della loro relazione e per vendicarsi aveva aperto un falso profilo Facebook a nome dell'ex compagna, pubblicando foto intime della donna. Cinque anni dopo l'uomo, V.V., 51 anni di Pompei (Napoli) è sotto processo al tribunale di Torre Annunziata. Dove una denuncia querela è stata presentata dall'avvocato della vittima, Giancarlo Sparascio, addirittura nei confronti di Mark Zuckerberg, il fondatore e proprietario del popolare social network, in quanto - due anni dopo i fatti denunciati - il falso profilo, in precedenza oscurato, sarebbe tornato attivo. Tutto ha inizio - come spiega il legale - nell'ottobre del 2014, quando la vittima (oggi 52 anni, un matrimonio già finito alle spalle e fino ad allora non iscritta a Facebook) viene informata che è attivo un falso profilo a suo nome su cui erano state caricate diverse immagini intime che la ritraevano, visibile in volto, durante rapporti sessuali avuti con V.V.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: il punto sugli aiuti a Gaza, Chico Forti torna in Italia

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas