ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tifoso morto, manca prova su scontri

Tifoso morto, manca prova su scontri
Motivi condanne ultrà, loro omertosi ma indagini non dettagliate
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 27 MAR – Le “indagini espletate non appaiono
sufficientemente dettagliate e approfondite, anche a causa della
scarsa collaborazione degli imputati, per affermare che gli
scontri” del 26 dicembre, prima di Inter-Napoli, nei quali morì
Daniele Belardinelli, “fossero stati deliberati tra gli altri
proprio” da Marco Piovella e Nino Ciccarelli, due dei 6 ultrà
arrestati finora e capi curva interisti. Lo scrive il gup Carlo
Ottone De Marchi nelle motivazioni della sentenza con cui ha
emesse 5 condanne fino a 3 anni e 8 mesi (uno ha patteggiato). Lo scorso 20 marzo, il giudice ha emesso le cinque condanne
per gli imputati, difesi, tra gli altri, dai legali Mirko
Perlino e Antonio Radaelli, con rito abbreviato fino a 3 anni e
8 mesi, con la pena più alta inflitta a Nino Ciccarelli, storico
capo ultrà della curva interista. Gli imputati sono stati tutti
scarcerati nei giorni scorsi al termine del processo con al
centro l’accusa di rissa aggravata e per Ciccarelli sono stati
disposti i domiciliari.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.