ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Sicilia testa di ponte verso la Cina

La Sicilia testa di ponte verso la Cina
Dimensioni di testo Aa Aa

Marco Polo aveva portato gli spaghetti - la loro forma - dai suoi viaggi in Oriente. Oggi che rinasce una Via della Seta multimodale sono le arance di Sicilia le prime nuove gustose ambasciatrici del Bel Paese in Cina.

Il primo lotto di arance siciliane, qualità moro e tarocco, è giunto in Cina via mare. Un carico che era partito a fine gennaio da Catania ed ha raggiunto Ningbo, nello Zhejiang, dove è prevista una cerimonia inaugurale relativa al nuovo sodalizio.

Le arance italiane

L'arancia è l’agrume più diffuso nel mondo, con centinaia di varietà coltivate, con frutti a polpa bionda (naveline, bionde comuni) o a polpa rossa (tarocco, sanguinello), da mangiare o da spremere. Stando alle statistiche FAOSTAT relative al 2008, l'Italia si attesterebbe all’ottavo posto mondiale per quantità di arance prodotte, con circa due milioni e mezzo di tonnellate.

Le arance che volano

In realtà c'è l'intesa per l'export degli agrumi anche via aerea, un traguardo che apre scenari tutti nuovi. La filiera agrumicola con il supporto delle istituzioni regionali e nazionali in alcuni casi si è già uniformata alle rigide procedure del protocollo Italia-Cina per consentire l’export di agrumi nella Repubblica Popolare Cinese.

La visita del presidente Xi Jinping

Non è un caso che durante la sua visita in Italia il presidente cinese Xi Jinping andrà anche a Palermo. Una decisione che mostra l'importanza del legame tra la Cina e la Sicilia.

Naturalmente la collaborazione italiana col gigante asiatico sarà a 360 gradi. "Siamo pronti, insieme alla controparte italiana, a sviluppare ulteriormente il partenariato strategico globale, a stringere maggiormente i legami ai massimi livelli e a rafforzare la cooperazione a tutti i livelli tra i nostri governi, parlamenti, partiti ed enti locali; a rafforzare la comunicazione politica, a promuovere la fiducia e i matching strategici, a continuare a comprendere e a sostenere a vicenda gli interessi e i temi più cari alla controparte e a gettare le basi politiche dei rapporti bilaterali". Lo scrive il presidente cinese, in un lungo intervento sul Corriere della Sera alla vigilia della visita di Stato in Italia.

Le "passioni" dominano le amicizie

Xi cita Alberto Moravia - "Le amicizie non si scelgono a caso ma secondo le passioni che ci dominano" - ed evidenzia come, di fronte a un mondo in forte cambiamento, "la storia ci affida la responsabilità di innalzare i rapporti sino-italiani e portarli a un nuovo livello e di tutelare insieme la pace, la stabilità e di far crescere la prosperità".