ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Orbán: "Pronti ad una rinascita dell'Europa Centrale"

Orbán: "Pronti ad una rinascita dell'Europa Centrale"
Dimensioni di testo Aa Aa

BUDAPEST (UNGHERIA) - Festa nazionale del 15 marzo in Ungheria, per ricordare l'inizio della rivoluzione del 1848 che portò all'indipendenza dall'Austria. E voglia di rinascita mitteleuropea per Vktor Orbán il Primo Ministro ungherese e il collega polacco Mateusz Morawiecki, invitato a Budapest .

Fidesz, il partito di Orbán è stato minacciato di esclusione dal Partito Popolare Europeo (se ne parlerà il 20 marzo), ma il discorso davanti alla folla dello stesso Primo Ministro è stato più moderato del previsto.

"Vogliamo un nuovo inizio, per impedire che l'Europa decada, per porre fine all.incubo dell'idea delle Nazioni Unite Europee...così l'Europa potrebbe di nuovo appartenere agli europei. Insieme alla Polonia, stiamo preparando la rinascita dell'Europa centrale".

L'Ungheria si festeggia anche cosi.

Contemporaneamente, per le strade di Budapest si è svolta una manifestazione dell'opposizione - rappresentanti di tutti i partiti, Jobbik di estrema destra, i socialisti del MSZP e partiti liberali - a Orbán, al potere dal 2010.

Lo stile autoritario, euroscettico e xenofobo del governo del Primo Ministro gli ha alienato molte simpatia, a dire il vero piû all'estero che in patria, dove mantiene un forte consenso. L'opposizione appare debole.

In questa occasione, Orbán ha rafforzato il legame con la Polonia, guidata anch'essa da un governo di destra.
Anche il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki ha parlato alla commemorazione del 15 marzo, mettendo in luce secoli di amicizia polacco-ungherese.

REUTERS/Lisi Niesner
Morawiecki e Orbán, vicini vicini.REUTERS/Lisi Niesner

La settimana scorsa Orbán ha detto che avrebbe cercato di formare un'alleanza con il partito di governo della Polonia, guidato dal suo alleato Jaroslaw Kaczynski. Soprattutto se Fidesz dovesse essere estromesso dal PPE.

"L'atmosfera è stata molto calma in questa festa nazionale ungherese. Il discorso del Primo Ministro Viktor Orbán è stato più moderato rispetto agli anni precedenti. E il numero di persone presenti alla manifestazione dell'opposizione era senz'altro minore rispetto ad altre dimostrazioni", commenta Attila Magyar, giornalista di Euronews.

Il corrispondente da Budapest Attila Magyar.