ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Affondò nel 1942, ritrovato cacciamine

Affondò nel 1942, ritrovato cacciamine
Localizzato a una profondità compresa tra i 1460 e i 1730 metri
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PALERMO, 9 MAR – Il cacciamine Vieste della Marina
Militare, durante un’attività di verifica tecnica e sorveglianza
dei fondali nel Mar Tirreno presso l’isola di Stromboli, ha
ritrovato il relitto dell’incrociatore leggero Giovanni Delle
Bande Nere affondato il 1 aprile del 1942. E’ stato localizzato
a una profondità compresa tra i 1460 e i 1730 metri. Il natante
era in trasferimento da Messina a La Spezia, per effettuare
alcune riparazioni in arsenale scortato dal cacciatorpediniere
Aviere e dalla torpediniera Libra. Durante la navigazione, in
mattinata circa, fu colpito da due siluri lanciati dal
sommergibile britannico H.M.S. Urge. L’incrociatore, spezzato in
più tronconi, affondò rapidamente. Morì gran parte
dell’equipaggio composto da 507 militari. Lungo 169,3 metri, il
cacciamine aveva un dislocamento di 6950 tonnellate a pieno
carico. La velocità massima era di 36 nodi. L’armamento era
composto da 14 cannoni per la difesa anti aerea e anti silurante
e da 10 mitragliere. Imbarcava due ricognitori aerei.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.