ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vannini: "Ciontoli sparò colposamente"

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 4 MAR – “Antonio Ciontoli esplose colposamente
un colpo di pistola che attinse Marco Vannini”. Così i giudici
della prima Corte d’assise d’appello di Roma motivando la
sentenza con la quale hanno condannato a cinque anni di
reclusione Antonio Ciontoli per avere causato la morte di Marco
Vannini, morto il 18 maggio 2015 a Ladispoli, vicino a Roma. I
giudici osservano che “Ciontoli ha consapevolmente e
reiteratamente evitato l’attivazione di immediati soccorsi” per
“evitare conseguenze dannose in ambito lavorativo”. Secondo la
ricostruzione dell’epoca, Vannini si trovava in casa della
fidanzata intento a farsi un bagno nella vasca, quando entrò
Ciontoli per prendere da una scarpiera un’arma e partì un colpo
che ferì gravemente il ragazzo. Di lì, secondo l’accusa, sarebbe
partito un ritardo ‘consapevole’ nei soccorsi.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.