ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Autonomia: appello, no secessione ricchi

Autonomia: appello, no secessione ricchi
Aderiscono tra gli altri Villone, De Petris, Fassina, Fratoianni
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 1 MAR – L’autonomia differenziata punta a
distruggere l’unità nazionale e i principi di uguaglianza e
universalità dei diritti sanciti dalla Costituzione. Una
“secessione dei ricchi” che va fermata con una campagna nel
Paese e in Parlamento. E’ questo il senso di un appello lanciato
dal Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, un cartello
di forze politiche, sociali e sindacali, contro il progetto
promosso da governo e alcune Regioni. “Il governo – si legge – non può e non deve subire le pressioni della Lega che chiede i
voti al sud e prepara la secessione dei ricchi al nord a loro
danno. Il Parlamento sia protagonista imponendo modifiche
indispensabili per garantire, ad esempio, che sanità,
istruzione, tutela dell’ambiente e del lavoro e le relative
risorse siano le stesse per tutti i cittadini italiani in
qualunque parte del territorio nazionale”. L’appello è
sottoscritto, tra i tanti, anche da Massimo Villone, Nicola
Fratoianni, Stefano Fassina, Giovanni Russo Spena, Loredana De
Petris, Maurizio Acerbo.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.