ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Figlia morì in schianto,madre a processo

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TORINO, 19 FEB – “Ho iniziato a scontare la mia pena
il giorno dell’incidente”. Così Monica Lorenzatti, 51 anni,
mamma di Gioia Casciani e zia di Ginevra Barra Bajetto,
pattinatrici di 9 e 17 anni morte il 27 ottobre 2017
sull’Autostrada del Brennero. Nello schianto è rimasta ferita
anche la sorella di Monica, ancora in coma. Lorenzatti era alla
guida della sua auto, quando è finita contro un tir. Per il
conducente del mezzo pesante è stata chiesta l’archiviazione; la
donna sarà processata per omicidio stradale plurimo e lesioni
stradali gravissime. “Mi sentirò sempre responsabile per la morte di mia figlia e
di mia nipote, è la mia condanna”, afferma all’ANSA la
Lorenzatti. “Se fossi partita dopo, se mi fossi fermata all’area
di servizio o se fossi stata in un’altra corsia…- dice – Ma
con i ‘se’ non riporterò indietro mia figlia”. La donna ha
scelto il rito ordinario, a Trento, rifiutando sconti di pena.
“Lo devo a mia figlia – spiega – E’ la strada più rischiosa, ma
non pretendo l’assoluzione, cerco la verità”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.