EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Capi scout, non umano gente in mare

Capi scout, non umano gente in mare
Gruppo di Jesi, orgogliosi di valori accoglienza e tolleranza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - JESI (ANCONA), 15 FEB - "Come comunità capi e come persone siamo colpiti da quanto sta accadendo nella nostra società, nei nostri mari e in generale nel mondo". Inizia così la lettera che i capi scout hanno indirizzato ai genitori delle ragazze e dei ragazzi del gruppo "Jesi 1" dell'Agesci (Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani). "Come educatori ci sentiamo in dovere di fare qualcosa, con gli strumenti che abbiamo a disposizione" spiegano sulla pagina Fb della parrocchia di San Giovanni Battista. "Camminare con lo zaino, imparare a fare nodi, a montare una tenda, a guidare una squadriglia, sono strumenti per educare durante il percorso scout a diventare protagonisti del proprio mondo. Ci sentiamo orgogliosi nel proporre ai giovani che frequentano la nostra Associazione i valori dell'accoglienza, della tolleranza, dell'incontro e del confronto con chi è diverso da noi. Ci spaventa l'arroganza di chi lascia uomini, donne e bambini disperati in balia delle onde. Non troviamo nulla di umano e di cristiano in questo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni nel Regno Unito: scandalo scommesse per la data del voto, ira di Sunak

Euro 2024, l'Italia non passa con la Spagna: 1-0 per le Furie Rosse

A Shepetivka, in Ucraina, il doposcuola tra armi e addestramento militare