ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conte a Strasburgo:"Voce Ue anche all'Onu"

Conte a Strasburgo:"Voce Ue anche all'Onu"
Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier del primo governo populista dell'Europa occidentiale Giuseppe Conte nel suo intervento al Parlamento Europeo a Strasburgo immagina un'Europa forte "vicina ai suoi popoli", pronta ad abbandonare la pratica di una governance soprattutto economica, come è stato negli ultimi anni - dice Conte - a favore di una politica. Un'Europa spiega, che sappia parlare al mondo:

"Nessuno Stato Membro europeo può da solo giocare un ruolo significativo. Di qui l'auspicio che una voce europea unita trovi spazio anche al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. È una battaglia, questa, su cui l'Unione Europea deve muoversi in modo coordinato, deve parlare con una sola voce. L'Unione Europea deve saper parlare al mondo. Un'Europa forte, ambiziosa e coesa è innanzitutto necessaria per migliorare la sua capacità d'interlocuzione con gli Stati Uniti".

Nelle parole del Presidente del Consiglio centrale il tema della gestione della crisi migratoria con l'invito a mettere in pratica quanto stabilito dal Consiglio Europeo dello scorso giugno. Un'Europa dice Conte che se vuole farsi promotrice di nuovi valori deve cambiare il suo approccio verso L'Africa investendo sulla collaborazione per e sul continente. E da rappresante del governo che più di tutti ha alzato la voce nel Mediterraneo, fa appello a quello che resta della solidarietà europea, per il superamento dei nazionalismi.

Infine il passaggio sulla crisi con la Francia. "I dissidi anche sul piano biliaterale dice rappresentano più l’effetto che la causa di una incapacità dell’Europa di proporre soluzioni"e in un'intervista a Europhonica rassicura: "un singolo episodio non cambia i soldi rapprto i tra i due paesi".