ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Don Ciotti,mafia è problema,non migranti

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - TRIESTE, 1 FEB - "Come mai da 150 anni continuiamo a parlare di mafia? Oggi il problema più grave non sono i migranti, è mettere testa sulla corruzione e sulle mafie nel nostro Paese". Lo ha detto il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, a margine della plenaria di apertura di Contromafiecorruzione a Trieste. "Mai come in questo momento - ha aggiunto - dobbiamo alzare la voce quando in molti scelgono prudente silenzio". Don Ciotti ha quindi osservato che "non c'è regione d'Italia che può considerarsi esente" dalle infiltrazioni della criminalità organizzata. E che a Nordest, "ai confini", questa "fa affari". Secondo il rapporto LiberaIdee sulla percezione delle mafie e della corruzione a Nordest, per il 47,3% dei cittadini residenti in quest'area la presenza della mafia è marginale, mentre in un caso su cinque è considerata preoccupante ma non socialmente pericolosa. Inoltre solo il 9,3% ritiene la corruzione un fenomeno molto diffuso nella propria zona.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.