ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Alcune ditte censite Dda per le macerie

Alcune ditte censite Dda per le macerie
Pg Marche, rischio infiltrazione aggravato dopo sisma 2016
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ANCONA, 26 GEN – In alcuni casi nella zona del
‘cratere’ marchigiano “è emerso che l’attività di rimozione
delle macerie è stata realizzata da ditte censite dalla
Direzione distrettuale antimafia di altri uffici requirenti e
nei cui confronti sono state formulate richieste tese a vietarne
la stipula di contratti con la pubblica amministrazione”. Lo
rileva il procuratore generale delle Marche Sergio Sottani nella
sua relazione per l’apertura dell’anno giudiziario nelle Marche.
Questi episodi sono stati rilevati nell’ambito dell’attività di
controllo prevista dal Crasi (Centro di raccordo, analisi e
sviluppo informativo) un protocollo sottoscritto dalla Procura
generale con la Dna per monitorare i cantieri della
ricostruzione e da un altro accordo con l’Anac. In precedenza,
sempre durante queste verifiche, era emersa la presenza nei
cantieri della Sae (Soluzioni abitative di emergenza) di
soggetti connessi a fenomeni di criminalità organizzata.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.