ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Taxista Firenze,'Reazione proporzionata'

Taxista Firenze,'Reazione proporzionata'
Giudice, 'Conducente avrebbe potuto chiamare forze dell'ordine'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – FIRENZE, 23 GEN – La “reazione” di uno dei due
imputati “era proporzionata all’offesa” mentre “il colpo inferto
appariva come reazione al fatto ingiusto altrui ed è pertanto da
ritenersi legittimo”: anche così il giudice di Firenze Anna
Liguori ha assolto perché “il fatto non costituisce reato” e per
legittima difesa due giovani accusati di aver causato un “coma
persistente e perdita delle funzioni cerebrali” al tassista Gino
Ghirelli, 66 anni, colpito in un litigio la notte tra il 12 e 13
luglio 2017. Il giudice lo scrive nelle motivazioni con cui ha
assolto i due 23enni Nicola Fossatocci e Houman Ajamy
Abbasalizadeh, iraniano da due anni in Italia, processati in
rito abbreviato. La sentenza sottolinea che “Ghirelli di fronte
a una situazione che rischiava di evolversi negativamente
avrebbe potuto chiedere l’intervento delle forze dell’ordine e
se non lo ha fatto probabilmente è perché riteneva di poterla
risolvere a suo modo (ossia con le vie di fatto)”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.