ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Piovella si difende, né omertoso né capo

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 16 GEN – Marco Piovella, l’ultrà dell’Inter
detto ‘il Rosso’ finito in carcere il 31 dicembre scorso per gli
scontri tra interisti e napoletani di via Novara del 26
dicembre, “non può essere definito un omertoso, perché per due
ore e 25 minuti si è seduto a parlare davanti al gip e non può
essere ritenuto il capo perché da lui non è arrivato alcun
ordine” sul blitz di Santo Stefano. E’ quanto hanno sostenuto,
in sostanza, i suoi legali, gli avvocati Mirko Perlino e Carlo
Melzi D’Eril, davanti ai giudici del Riesame di Milano ai quali
hanno chiesto di rimettere in libertà l’imprenditore 34enne e,
in subordine, di concedere i domiciliari. I legali hanno sottolineato che quando Luca Da Ros, altro
ultrà arrestato e poi passato ai domiciliari dopo la
collaborazione, ha detto che è Piovella che “sposta le gente”,
non si riferiva all’agguato ma al suo ruolo di responsabile
delle coreografie. A definire “omertoso” Piovella, invece, era
stato il gip Guido Salvini nell’ordinanza.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.