ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ancelotti, mai chiesto sospensione match

Ancelotti, mai chiesto sospensione match
"In Bologna-Juve serviva interruzione per cori razzisti"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) NAPOLI, 15 GEN – “Ho sentito dire ‘Ancelotti non può
decidere di sospendere una partita’, ma forse quando parlo non
mi faccio capire. Non ho mai chiesto di sospendere le partite,
so bene che se 60.000 persone devono uscire dallo stadio ci sono
problemi. Ma in caso di cori razzisti le partite si devono
interrompere, si aspetta qualche minuto e poi si riprende”. Lo
ha detto l’allenatore del Napoli Carlo Ancelotti che oggi ha
tenuto una lezione sulla gestione del gruppo in una squadra di
calcio all’Università Vanvitelli. “Ho sentito un’intervista del
presidente della Federcalcio Gravina – ha spiegato Ancelotti – e so che la federazione sta facendo dei passi per semplificare
questa norma. Questo è giusto ma ricordiamoci anche che la norma
c‘è ed è già applicabile quando c‘è un insulto territoriale o
razziale e a Milano non è stata applicata. In Bologna-Juve ci
sono stati gli insulti a un ragazzo: la partita si ferma
temporaneamente, si fa un annuncio, e poi si ricomincia’‘.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.