ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Papa, Dio non dimentica chi soffre

Papa, Dio non dimentica chi soffre
'Preghiera riconcilia con morte, nemica acerrima dell'uomo'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CITTADELVATICANO, 9 GEN – “Dio risponde sempre”,
“nessuna preghiera resterà inascoltata perché Lui è Padre, e non
dimentica i suoi figli che soffrono”. Lo ha detto il Papa
nell’udienza generale nella quale ha proseguito le catechesi
sulla preghiera del Padre Nostro. “Certo – ha proseguito -,
queste affermazioni ci mettono in crisi, perché tante nostre
preghiere sembra che non ottengano alcun risultato. Quante volte
abbiamo chiesto e non ottenuto? Ne abbiamo esperienza tutti.
Quante volte abbiamo bussato e trovato una porta chiusa? Gesù ci
raccomanda, in quei momenti, di insistere e di non darci per
vinti. La preghiera trasforma sempre la realtà”. “Se non
cambiano le cose attorno a noi, almeno cambiamo noi, cambia il
nostro cuore”. “Possiamo essere certi che Dio risponderà”, “farà
giustizia, ci ascolterà”, ha sottolineato il pontefice. “La
preghiera di Gesù – ha aggiunto – pare attutire le emozioni più
violente, i desideri di vendetta e di rivalsa, riconcilia l’uomo
con la sua nemica acerrima” che è “la morte”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.