ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Mafia: 39 anni fa ucciso P. Mattarella

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PALERMO, 5 GEN – Una cerimonia a Palermo, un’altra a
Castellammare del Golfo (Trapani). Così verrà ricordato domani
Piersanti Mattarella, fratello del capo dello Stato, ucciso il 6
gennaio 1980. La matrice dell’agguato conduce, secondo gli
ultimi spunti investigativi, a un asse tra mafia e terrorismo
neofascista. Le indagini cercano da oltre un anno d’individuare
tracce di un coinvolgimento dei Nar, Nuclei armati
rivoluzionari, attraverso una comparazione balistica con i
proiettili usati per una trentina di omicidi tra il ’77 e l’81. Mattarella fu ucciso per fermare la sua azione di
rinnovamento politico. A questa linea si ispira un progetto del
comune di Castellammare del Golfo, dove l’ex presidente della
Regione siciliana era nato, per portare nelle scuole le idee e
il percorso di riscatto contro la mafia. A Castellammare, per
iniziativa del sindaco Nicola Rizzo, ci sarà un raccoglimento
davanti alla tomba di Mattarella dopo la commemorazione di
Palermo che si terrà alle 9.30 in via Libertà, nel luogo
dell’agguato.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.