ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Amianto,'ex manager non causarono morti'

Amianto,'ex manager non causarono morti'
Caso Pirelli, motivi sentenza del 2016. Associazioni, ricorso
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 02 GEN – Dato che “l’inizio dell’induzione
coincide con la prima esposizione” all’amianto e che “la latenza
minima ha una durata stimabile, nel massimo, in 15 anni e che le
esposizioni successive” non hanno “alcuna rilevanza” nemmeno
nell’accelerare “il processo genetico del tumore”, “a nessuno
degli imputati può essere ascritto di aver cagionato o
contribuito a cagionare il formarsi della neoplasia”. Lo scrive
il giudice Annamaria Gatto nei motivi della sentenza con cui,
nel dicembre 2016, ha assolto 9 ex manager Pirelli imputati nel
processo ‘Pirelli bis’ per 28 casi di operai morti o ammalatisi
di mesotelioma e che hanno lavorato negli stabilimenti milanesi
dell’azienda negli anni ’70-‘80. Lo scorso dicembre le associazioni Comitato per la Difesa
della Salute e nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio, Medicina
Democratica e Associazione Italiana Esposti Amianto, avevano
protestato per il ritardo di circa 2 anni nel deposito delle
motivazioni. Le associazioni, in una nota, annunciano il ricorso
in appello.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.