ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spazio: i progressi per la ricerca della vita su Marte

Spazio: i progressi per la ricerca della vita su Marte
Dimensioni di testo Aa Aa

Ecco cosa accade alla NASA quando si atterra su Marte: si festeggia, come nel caso della sonda InSight, momento clou di un anno straordinario per l'esplorazione del pianeta rosso.

InSight funge da pioniere nello studio di quanto si trova all'interno di Marte, con un sismometro franco-britannico e una sonda termica tedesca.

LU PAN, GEOLOGO PLANETARIO:

"È la prima volta che in realtà miriamo specificamente a studiarne la struttura interna, perché con Pathfinder ed altre sonde eravamo lì per studiarne l'ambiente, per vedere se c'è acqua, ghiaccio, per vedere come è cambiato il clima attraverso 4 miliardi di anni.

Ma questa missione è diversa, in realtà piazzeremo un sismometro sulla superficie di Marte".

JEREMY WILKS, EURONEWS:

Tutto è andato bene per il team InSight dall'atterraggio: tuttavia, Marte ha una reputazione per gli scienziati, materializzatasi quando, nel 2018, una mega tempesta di sabbia ha ricoperto il pianeta.

La polvere sottile sulla superficie si è sollevata e la vista dal rover Curiosity si è rapidamente oscurata.

Per gli scienziati si è trattato di una possibilità irripetibile.

ANN CARINE VANDAELE, SCIENZIATA PLANETARIA:

"Abbiamo avuto il tempo di fare alcune misurazioni prima della tempesta, prese come riferimento, poi siamo stati in grado di vedere l'intera evoluzione di una tempesta (da locale a totale), ed ora ovviamente vediamo la tempesta dissiparsi".

Un'altra sorpresa è arrivata quando i ricercatori italiani hanno utilizzato il veicolo dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), MarsExpress, per identificare quello che sembrava essere un lago di acqua liquida salata, largo 20 km, sotto la calotta del Polo Sud marziano.

HAKAN SVEDHEM, PROJECT SCIENTIST:

"Questo è importante: l'acqua liquida è sempre stata vista come un prerequisito per la vita, non significa necessariamente che ci sia, ma è un ingrediente di cui avremmo bisogno per avere vita".

La ricerca della vita su Marte è in pieno svolgimento: il rover ExoMars, di fabbricazione congiunta russo-europea, è in costruzione e vi atterrerà nel 2020.

Con sei astronavi e due sonde già su Marte, sono molti i dati che si apprendono.

NICOLAS THOMAS, DOCENTE DI FISICA:

"La nostra visione di Marte è cambiata negli ultimi 20 anni: è un pianeta molto più dinamico di quanto immaginassimo 20 anni fa, e ciò è dovuto al fatto che ora abbiamo osservazioni ad altissima risoluzione, attraverso cui è possibile vedere che ci sono cambiamenti in atto".

JEREMY WILKS, EURONEWS:

"Forse gli umani saranno in grado di assistere a questi cambiamenti tra un decennio, considerando che l'azienda aerospaziale Space X ha ancora una volta ribadito la volontà di inviare persone sul pianeta rosso prima del 2030".

Cose di un altro mondo

Publiée par la Repubblica sur Samedi 8 décembre 2018